giovedì 19 ottobre 2017

La semplicità di una macchina alimentare per una complessità di vantaggi: l'impastatrice planetaria

Lavori in una cucina professionale? Allora di certo per te la preparazione di pane, pizza, pasta e dolci è all’ordine del giorno. Sembra che questi siano decisamente i piatti più richiesti dai consumatori quando si recano al ristorante o nei tanti altri locali pubblici. Vista dunque questa domanda ampia e continua, è fondamentale utilizzare attrezzature da ristorazione che ti permettano di lavorare in modo snello e rapido, conferendo alle tue ricette anche un quid in più.

Un’impastatrice professionale di Allforfood ti garantirà esattamente questo: da un lato, raggiungerai in modo molto veloce una perfetta omogeneità di impasto e il livello di elasticità e di morbidezza desiderato in base alle ricette che ti appresterai a realizzare; dall’altro, il fatto di impiegare impastatrici industriali non significherà rinunciare alla genuinità dell’impasto, ovvero alla tradizione, perché un’impastatrice planetaria, un’impastatrice a spirale, o un’impastatrice a forcella di Allforfood è una macchina rispettosa proprio delle caratteristiche più naturali e sane degli ingredienti. Per questo motivo, non solo le cucine della ristorazione, ma anche tante mamme italiane hanno scelto le nostre impastatrici professionali: grande, ad esempio, il successo dell’impastatrice planetaria, proprio per la sicurezza che questo strumento dà loro, unita alla sua grande versatilità. impastatrice professionaleE non solo: con le nostre impastatrici planetarie professionali, con l’impastatrice a spirale professionale, o con l’impastatrice a forcella professionale, avrai uno strumento estremamente pratico da usare e da lavare, grazie alla progettazione accurata e funzionale di ogni particolare, che ti garantirà anche una lunga durata nel tempo.

La nostra azienda, leader da anni nella vendita di attrezzature da ristorazione, seleziona da sempre le sue macchine alimentari in un ottica globale, perché soddisfino, cioè, i maggiori requisiti possibili: performance, rispetto degli alimenti, funzionalità, praticità, sicurezza, igiene, e perché per i suoi clienti la spesa fatta ne valga assolutamente la pena. Prova l’impastatrice planetaria, le altre impastatrici professionali, o le tante diverse attrezzature da ristorazione del nostro catalogo, acquistale on line su Allforfood.com per avere insieme qualità e convenienza.

giovedì 12 ottobre 2017

Cucine professionali e laboratori delle attività di ristorazione

Non tutte le attività di ristorazione sono dotate di vere e proprie cucine professionali; se ad esempio si pensa a gelaterie, pasticcerie, panetterie, ecc. esiste una molteplicità di locali che necessita solo di un laboratorio per la preparazione dei generi alimentari, che deve comunque rispettare alcuni criteri di sicurezza.

Il laboratorio è destinato a contenere tutte le attrezzature per la ristorazione necessarie per la produzione, disposte in modo razionale ed organizzate in funzione delle fasi del processo produttivo. Il locale laboratorio deve presentare caratteristiche strutturali ed impiantistiche analoghe a quelle previste per la cucina professionale.

In ogni caso nel locale laboratorio devono essere presenti: a)  almeno un lavello preferibilmente a doppia vasca, con acqua calda e fredda e con rubinetto di erogazione non azionabile a mano;  b)  almeno un lavamani dotato di acqua calda e fredda, di erogatore non azionabile a mano e di distributori di sapone ed asciugamani a perdere. I laboratori alimentari devono avere dimensioni adeguate alla tipologia ed al volume delle attività svolte: a tal fine è opportuno informarsi preventivamente circa le dimensioni richieste dallo specifico tipo di attività di ristorazione.
Per tipologie particolari ovvero qualora il ciclo produttivo venga limitato tramite l’utilizzo di prodotti ed ingredienti semilavorati/pronti al consumo,  l’assetto strutturale ed organizzativo dell’impresa dovrà essere valutato dalla azienda ASL competente caso per caso, fermo restando che la superficie minima non potrà essere inferiore a 6 mq.
cucine industriali

Dove sia previsto il confezionamento per vendita a terzi o consegna a domicilio, deve essere disponibile un’area aggiuntiva destinata a tale scopo, proporzionata al volume produttivo. E’ ammesso un unico deposito per il fabbisogno di materie prime di più zone di lavorazione, purché la sua superficie sia correlata alle zone di lavorazioni servite e la sua dislocazione non comporti percorsi igienicamente inidonei.




Segui il blog di AllForFood se vuoi restare aggiornato su tutto quello che riguarda il mondo delle cucine professionali e delle attrezzature per la ristorazione.

giovedì 5 ottobre 2017

Come ottenere il massimo dai forni professionali a gas

All’interno delle cucine professionali di pizzerie e ristoranti si stanno diffondendo sempre di più (o sarebbe meglio dire stanno tornando in voga) i forni professionali a gas, i quali permettono di realizzare delle pizze con un risultato molto simile a quello dei classici forni a legna. A volte rappresentano una soluzione obbligata dall’impianto che si ha disposizione nel locale, altre volte è semplicemente una libera scelta del gestore della pizzeria che vuole cercare di risparmiare qualcosa sui costi di gestione.

Il forno professionale a gas funziona con un bruciatore collocato nella parte bassa dell’elemento, cui trasmette il calore, che poi viene distribuito nella camera del forno per irraggiamento (i cibi sono “esposti” al calore che si propaga dalle pareti del forno o dalla serpentina del grill) e per convezione (l’aria calda si scalda e tende a salire, sfiorando i cibi con un passaggio di calore continuo). Dopo l’accensione del forno, il bruciatore funziona alla massima potenza fino a quando non raggiunge la temperatura impostata e poi passa al minimo, producendo solo calore di mantenimento.
L’economicità, la semplicità d’uso e la velocità nel raggiungere le alte temperature sono sicuramente dei punti di forza del forno a gas, tuttavia il fatto di avere il bruciatore che ogni tanto va al massimo e ogni tanto al minimo comporta delle difficoltà nella corretta gestione delle cotture. In questo modo, infatti, il forno tende a seccare o bruciacchiare alcuni punti e a far perdere velocemente l’umidità ai cibi in cottura. In generale, si può dire che il forno a gas è ideale per la cottura della pizza e simili (che richiedono temperature superiori ai 220°C), mentre per le altre preparazioni come dolci lievitati, torte, biscotti, ma anche soufflé e bignè è preferibile il forno elettrico.
forni professionali a gas

Per ovviare al problema dell’oscillazione della temperatura si può procedere in questo modo:
si accende il forno pizza portando la manopola alla temperatura desiderata e si lascia riscaldare fino a quando il bruciatore non passa alla fiamma bassa di mantenimento (sono necessari circa 15-20 minuti). Solo a questo punto s’inforna a mezza altezza e si abbassa leggermente la temperatura per evitare che il bruciatore si riaccenda alla massima potenza. Se si sente che la fiamma riparte al massimo, si abbassa ancora un po’ la temperatura.

Se stai cercando forni pizza a gas o elettrici o altre attrezzature per pizzeria, AllForFood.com fa al caso tuo. Puoi scegliere tra centinaia di modelli di forni per pizzeria, in refrattario e con un differente numero di camere di cottura, in base alle tue esigenze.

venerdì 29 settembre 2017

Utensili per cucine professionali: la differenza tra pentole e casseruole

Pentole e casseruole sono tra i più diffusi utensili per cucine professionali e casalinghe. Spesso il loro ruolo viene confuso, ma gli chef e chiunque si intenda di cucina conosce le loro differenze e i loro impieghi ottimali.

La pentola è il contenitore di cottura più citato nei libri, per il suo significato generico. La sua funzione si limita alle cotture ad immersione. Era solitamente di foggia bombata, poi divenuta cilindrica, sempre con due maniglie e coperchio. Ha pareti alte quanto il diametro e presenta spesso grandi dimensioni, tanto da assumere i nomi di caldaia, calderone, marmitta. Questo utensile per cucine professionali deve essere sempre pulito, mai lasciato su fonte di calore spenta lasciando stagnare brodi o acqua ed andrà messo in modo tale che il bollore sia sempre persistente. Nella pentola l’elemento di trasmissione del calore è appunto il liquido in essa inserito. Proprio per questo motivo, il materiale da impiegare può non essere di alta conducibilità termica. Spesso nelle cucine dei ristoranti è utilizzato il principio di mantenere una base calda, oppure di avere sempre acqua bollente pronta per qualsiasi evenienza. Nelle pentole si possono confezionare ottimi bolliti, oppure minestre di lunga cottura, per poi ridurle in poltiglia grazie al frullatore in immersione. Bisogna salare l’acqua solo in fase di ebollizione, mai prima, per facilitarne lo scioglimento ed evitare che aggredisca il metallo.
utensili cucine professionali

La casseruola si presenta con un manico unico, lungo quanto il  diametro del fondo oppure con due maniglie. È usata sia per cotture sia come contenitore di servizio al tavolo. Quando ha una altezza pari a circa un terzo del diametro viene detta casseruola bassa: e si presenta sia con un manico unico sia con due maniglie.

La versione a manico unico è molto utilizzata per confezionare salse, tirare fondi, mescolare composti, confezionare creme. L’accorgimento utile è prestare attenzione ai metalli impiegati per l’assemblaggio o lo stemperamento. Preferibili sono il mestolo di legno, oppure in polietilene.
Se dotata di due maniglie ha una vasta gamma di misure, quelle che costituiscono poi una vera e propria batteria di cucina. Questi accessori per cucine devono essere sempre lavati con cura e mai surriscaldati prima dell’impiego. Bisogna dosare sempre la fiamma con moderazione e fare attenzione a non utilizzare la casseruola qualora la copertura di stagno dovesse essersi consumata. È maneggevole e polivalente e si presta a diverse tipologie di cottura: bollire, brasare, stufare.

Su AllForFood.com sono disponibili diversi utensili e accessori per cucine di ristoranti, pizzerie e hotel. Puoi trovare pentole, casseruole, padelle, teglie gastronorm, ma anche mestoli, coltelli professionali e tutto ciò che serve a preparare ogni genere di piatto.

venerdì 22 settembre 2017

Sottovuoto professionale: le confezionatrici a campana e ad estrazione

Il problema della conservazione alimentare investe la ristorazione in tutti i settori, dal fast food al ristorante di lusso, passando per pizzerie ed hotel. Il sottovuoto è una tecnica che ha portato un grande aiuto agli chef di tutto il mondo, in quanto permette di allungare notevolmente la durata degli alimenti senza comprometterne aspetto, odore e sapore.
In commercio si possono trovare forniture per ristoranti idonee a realizzare il sottovuoto, a prezzi disparati. Per quanto riguarda le grandi cucine industriali di ristoranti e hotel, normalmente gli chef decidono di optare per attrezzature professionali, in grado di sopportare anche grandi carichi di lavoro.
Essenzialmente esistono due grandi categorie di macchine per il sottovuoto: quella a campana e quella ad estrazione (quest’ultima utilizzata soprattutto in ambiente domestico o piccole attività di ristorazione).
confezionatrici sottovuoto professionali


La
macchina confezionatrice sottovuoto per uso professionale è quella “a campana”, ma oggi le stesse ditte produttrici cominciano a proporre anche dei modelli semiprofessionali per uso casalingo. È composta da una struttura in acciaio che contiene una vasca dove sono presenti più spessori, che abitualmente sono costituiti da taglieri, per facilitare il confezionamento di liquidi creando la pendenza voluta. Sulla parte alta della macchina vi è una campana in plexiglas trasparente che permette di vedere le fasi del confezionamento. Dentro la vasca è presente la barra per la saldatura ricoperta in teflon per permettere al sacchetto di essere saldato senza che la plastica si fonda. La barra è composta da due parti: una per la saldatura e un’altra che sigilla a sua volta il sacchetto proteggendo la prima saldatura. La macchina ha un display che, oltre a selezionare le impostazioni, serve a visionare le fasi del confezionamento. Si può impostare la percentuale del vuoto e il grado, quindi la forza di saldatura del sacchetto. Il sottovuoto a campana è l’unico possibile per gli alimenti liquidi, oltre a quelli solidi.

La macchina per il sottovuoto a estrazione oggi è molto diffusa e sufficientemente economica se pensiamo alle potenzialità del suo impiego in cucina. È una confezionatrice per il sottovuoto a tutti gli effetti rispetto a quella a campana, ma è molto più maneggevole e con dimensioni contenute, caratteristiche più snelle che in casa sono perfette. Abitualmente è di materiale plastico e ha una fessura sul fondo dove va inserito il sacchetto per essere confezionato: lì si trova la barra saldante. Sulla parte alta, in genere, sono posizionati i comandi che sono di solito tre: un pulsante serve per azionare e far partire la produzione del vuoto, un secondo per sbloccare il vuoto e il terzo per la saldatura. Alcune macchine utilizzano lo stesso pulsante per avviare e bloccare il vuoto. 

AllForFood.com, da anni leader nel settore delle
forniture per la ristorazione, ti propone decine di diversi modelli di termosigillatrici e confezionatrici per il sottovuoto, nonchè contenitori, buste ed altri accessori per il sottovuoto. 

venerdì 15 settembre 2017

Il roner e la cottura professionale a bassa temperatura

Tra le attrezzature per la ristorazione introdotte relativamente di recente nel mondo delle cucine industriali troviamo il cosiddetto roner, utilizzato prevalentemente nella tecnica della cottura a bassa temperatura. Per definire la cottura a bassa temperatura, non si può parlare di una sola tecnica. È più corretto descriverla come una strategia, che lo chef può mettere in pratica secondo le esigenze di produzione, le quantità da cuocere, le tipologie di prodotto e il proprio gusto, usando strumenti e tecniche molto diversi tra loro. Le due più utilizzate sono la cottura sottovuoto per immersione in acqua a temperatura costante e quella in forno in “camera libera”.
cottura professionale

Il roner è uno strumento diffuso e ampiamente utilizzato nelle cucine professionali da almeno una quindicina di anni. Il termine “Roner” indica in realtà una delle marche di punta di quello che per definizione è un “riscaldatore termoregolato ad alta precisione”, detto anche bagno termostatato. Ve ne sono di diverse tipologie, con apposita vasca per la cottura o da applicare al contenitore che troviamo più idoneo. Quest’ultimo è davvero molto pratico perché non ingombra per nulla e possiamo adattarlo a una casseruola capiente o a una vasca gastronorm. In pratica una vasca contenente acqua riscaldata da una resistenza elettrica controllata da un termostato digitale e dotata di un dispositivo che mescola continuamente il liquido per garantire la massima uniformità possibile di temperatura in ogni punto. I sacchetti con la carne da cuocere in sottovuoto vengono immersi in acqua a temperatura di 63° C per tempi di cottura molto lunghi, anche più di 30 ore. I forni professionali di ultima generazione (e soprattutto i roner) lavorando a temperature così basse hanno consumi molto ridotti. Inoltre, un dato molto importante è che con la cottura in bassa temperatura la perdita di peso del prodotto (cioè l’acqua che viene liberata e che normalmente evapora) è solo del 5-7% contro una perdita del 40% in media di una cottura arrosto.

Occorre tuttavia conoscere gli alimenti e le loro caratteristiche per evitare di rovinarli, quindi una volta scelto il cibo che si vuole cuocere in base alla pezzatura lo si cucina ad una determinata temperatura per un tempo stabilito. 

Ci sono però situazioni in cui le macchine alimentari tipo “roner” non sono così funzionali. In particolare se si deve lavorare su grandi volumi, che richiederebbero il riscaldamento di quantitativi d’acqua proibitivi. In questo caso ad esempio, si potrebbe optare per una cottura a bassa temperatura in forno professionale a camera libera.

Su AllForFood.com puoi trovare un ricca selezione di attrezzature per la cottura professionale, dal bagnomaria al girarrosto. In base al tipo di attività puoi allestire la tua cucina con le migliori macchine alimentari sul mercato e preparare pietanze perfette per ogni occasione.

venerdì 8 settembre 2017

Scopri l'alta efficienza delle macchine per kebab di AllForFood

Se hai un chiosco specializzato in kebab, o nel menù della tua pizzeria o del tuo ristorante hai inserito anche questa gustosissima specialità di origine turca, hai bisogno di una macchina per kebab dalle alte prestazioni e quanto più funzionale. Questa squisita carne arrostita riscuote da molti anni un gran successo tra i consumatori perchè è gustosa e nutriente, può essere condita in tanti modi diversi e sfiziosi, ed è anche un piatto dai costi contenuti. Prima di dedicarti alla varietà di condimenti o al servizio di questo cibo all'interno di panini e piadine, o su un piatto vero e proprio, sono fondamentali le macchine kebab che utilizzerai per la cottura ottimale della carne. La brace rovente che si usava una volta come fonte di calore, a cui si esponeva lo spiedo di carne, è stata nettamente superata dalle macchine per kebab, che, attraverso le loro resistenze riscaldate, riescono a sciogliere perfettamente le sue parti grasse e a farle scolare evitando così che questa si abbrustolisca, o, viceversa si secchi. Le resistenze della macchina da kebab possono essere riscaldate tramite gas nella macchina kebab a gas, o tramite elettricità, nel gyros elettrico: due sistemi diversi ma entrambi molto performanti per l’ottimale produzione di calore. Le moderne macchine kebab hanno conservato, però, Il tradizionale effetto scenografico dello spiedo che cuoce girando: la carne viene tagliata a fettine con un apposito coltello elettrico, sagomata e infilzata sullo spiedo che, ruotando intorno all’asse del girarrosto, ne attua la cottura. Sul catalogo online di Allforfood, tra le varie attrezzature per la ristorazione, nel reparto cottura professionale,  troverai tutte le tipologie di macchine da kebab utilizzate dagli specialisti del settore: macchie kebab a gas, gyros elettrico e validi complementi di queste macchine alimentari, quali l’immancabile coltello elettrico e l’utilissimo kit vetri di protezione, perché la precisione e la sicurezza siano sempre garantite. Trovare il modello di macchina per kebab professionale più in linea con le tue esigenze non sarà difficile perché il nostro assortimento è veramente ampio e risponde alle più diverse esigenze di lavoro: quantità di carne, potenza, numero di bruciatori, dimensioni della carne, zone di cottura, e altro ancora. Approfitta della completezza di informazioni tecniche che ti abbiamo riservato e per qualsiasi necessità rivolgiti al numero verde di Allforfood  a te dedicato. Con le nostre macchine per kebab potrai preparare ottimi kebab in grandi quantità e in modo veloce, per allietare con questa prelibatezza persone di tutte le età e nazionalità. Acquistale ora in modo molto semplice e a prezzi vantaggiosi su Allforfood.com!