martedì 16 giugno 2015

Manutenzione e pulizia dei mobili del bar: come effettuarla senza rovinare rivestimenti e finiture

Una delle mansioni, sicuramente poco piacevole, ma che rientra a pieno titolo tra le attività svolte dal barman è quella della pulizia e manutenzione dell’arredo del bar. In linea di massima i mobili del bar devono essere puliti con un panno morbido leggermente inumidito, mentre l’utilizzo di pagliette abrasive è fortemente sconsigliato per non graffiare le finiture. Se questo è vero in generale, è anche vero che ogni tipo di materiale richiede una pulizia specifica in base alle sue caratteristiche.
Uno dei materiali più usati per l’arredo del bar, soprattutto per il retrobanco e il banco bar è l’acciaio inox, resistente alla corrosione e semplice da pulire. Il calcare dell’acqua potrebbe lasciare residui sull’acciaio, per questo è consigliato pulire con un buon detergente liquido non aggressivo e una spugna morbida e infine asciugare con un panno che non lasci residui. Assolutamente da evitare spugne abrasive e fare attenzione a non appoggiare per lungo tempo oggetti troppo caldi, per evitare il distacco della lamina di acciaio, ne’ oggetti ferrosi bagnati, che potrebbero generare macchie di ruggine. Anche le creme apposite per acciaio inox sono indicate per pulire, disinfettare e lucidare le superfici.
Molte parti dei mobili del bar come gli zoccoli o le gole delle bancaline possono essere in acciaio verniciato a polveri, come protezione contro la corrosione e per un motivo di estetica. In questo caso la pulizia va effettuata con una spugna imbevuta di acqua e un detergente neutro.
Per le superfici laccate di tavoli e sedute bar occorre prestare particolare attenzione sia per quanto riguarda la manutenzione che l’utilizzo quotidiano, in quanto sono le più delicate: attenzione ad urti con oggetti appuntiti ed evitare l’uso di pagliette abrasive, ammoniaca, acetone, trielina e cera, per evitare la formazione di aloni opachi. In questo caso si potrebbero usare dei normali detergenti per vetri e un panno morbido.
A volte si possono trovare nei locali anche dei tavoli da bar o altri elementi di arredo in vetro temperato, che è più resistente rispetto al normale vetro non trattato. Il vetro temperato infatti  ha una maggiore resistenza alle macchie, al calcare e alla rottura. Anche in questo caso si possono usare i prodotti detergenti per vetri.
Infine ecco alcuni consigli per il marmo e altri materiali porosi a base di carbonato di calcio: l’arredo bar rivestito da questo genere di materiali va pulito subito in caso di macchie (specie se di sostante acide come vino e limone), proprio a causa dell’elevata possibilità di assorbimento e per questo è consigliato l’utilizzo di sottobicchieri e tovagliette. La pulizia quotidiana può essere effettuata con una spugna umida, mentre quella periodica con prodotti appositi per il marmo, sempre assicurandosi che si non tratti di un detersivo acido. I detergenti migliori sono quelli neutri oppure composti da due parti di acqua e una di alcol.

Visita la sezione di AllForFood dedicata all’arredamento per bar, ristoranti e hotel: troverai i migliori complementi di arredo appositamente pensati per allestire tutte le attività di ristorazione con praticità e stile.

Nessun commento:

Posta un commento