martedì 28 febbraio 2017

La figura del cameriere di bar e norme comportamentali

Di solito con il termine barman (o bartender) si indica colui che lavora nei bar occupandosi nella preparazione dei cocktail, lasciando ad altre figure specializzate, banchisti bar, la preparazione della Caffetteria e il servizio analcolici. In realtà Le sue mansioni dipendono dalle dimensioni del locale, dalla sua tipologia e dal personale impiegato. Può essere, quindi, semplicemente colui che sta al banco oppure colui che si occupa anche della cassa, del servizio ai tavoli, degli acquisti e del controllo delle forniture, dell’organizzazione del lavoro nelle varie fasi della giornata, della sistemazione di sgabelli, tavoli e sedie del bar, della pulizia del locale, ecc. Il barman può lavorare con orari non standard, compresi quelli serali.

utensili bar Nei locali di prestigio e/o di grandi dimensioni, in cui persino la disposizione del singolo sgabello del bar non è lasciata al caso, si possono distinguere diverse figure all’interno della brigata; una di queste è il cosiddetto cameriere di bar, incaricato del servizio ai tavoli del bar. È una figura spesso erroneamente sottovalutata, perché se è vero che non gli sono richieste capacità di esecuzione delle preparazioni, è altrettanto vero che fa da tramite con il cliente e perciò deve essere in grado di svolgere un buon servizio e consigliarlo, per vendere di più e meglio.
Spesso il cameriere è un venditore importante e, dunque, deve conoscere bene tutte le preparazioni offerte. Il momento della vendita è così importante che quando possibile viene seguita direttamente da un barman, lasciando poi il servizio al cameriere.

Il cameriere di bar deve svolgere le sue mansioni di servizio in maniera curata e per questo deve seguire delle regole ad hoc. La prima cosa da evitare nel trasporto di un vassoio tra i tavoli e le sedie del bar è guardarlo mentre si cammina: evidente segno di insicurezza e scarsa abilità. Il vassoio non va tenuto in modo rigido, ma poiché camminiamo e ci muoviamo, esso si sposta con noi, e il braccio che lo sostiene ha movimenti che assecondano i movimenti del corpo. Durante tutte le operazioni di trasporto, servizio e sbarazzo dei tavoli del bar occorre mantenere la schiena diritta.
sedute bar Un cameriere che trasporta il vassoio mantenendolo sulla punta delle dita è sicuramente più elegante di quello che lo porta con il palmo della mano unito al vassoio (con la mano quindi di aperta e diritta); peraltro è opportuno evidenziare che la prima tecnica è la più difficile per vari motivi: il mantenimento della stabilità, il sostenere a lungo il peso del vassoio e lo spostamento della mano nel corretto baricentro mentre si preleva il materiale.

Segui il blog di AllForFood per restare sempre aggiornato sul mondo della ristorazione e dell’hotellerie, con news e approfondimenti su attrezzature, accessori, macchine alimentari e figure professionali.

Nessun commento:

Posta un commento